Sagra della castagna all’ombra dell’Amiata

  • Destinazione: ,
  • Durata: 3 giorni
  • Partenza: 30/10/2020
  • Arrivo: 01/11/2020
  • Prezzo: €390

Viaggio di gruppo con bus da Como o Lomazzo
Possibilità di navetta da Legnano con supplemento di 18 € a/r a persona
Accompagnatore per tutta la durata del viaggio
Disponibilità limitata

• 1 GIORNO: PIENZA – MONTALCINO
Nella prima mattinata ritrovo dei partecipanti e partenza per la Toscana. Arrivo a Pienza, borgo rinascimentale voluto da Papa Pio II, umanista e poeta che qui nacque nel 1405, per realizzare le teorie rinascimentali di Leon Battista Alberti. Pranzo in ristorante. Proseguimento per Montalcino, tipico borgo medievale immerso nel verde della Toscana. Qui sarà possibile ammirare l’imponente fortezza della città, la concattedrale del Santissimo Salvatore e Piazza del Popolo con il caratteristico Palazzo dei Priori. Al termine sistemazione,
cena e pernottamento in hotel.

• 2 GIORNO: ABBAZIA DI SANT’ANTIMO – ABBADIA DI SAN SALVATORE – PIANCASTAGNAIO – SANTA FIORA
Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza alla volta dell’abbazia di Sant’Antimo, una delle testimonianze architettoniche più significative dell’epoca romanica, costruita a cavallo tra l’XI e il XII secolo, la cui magnificenza viene esaltata dal paesaggio circostante. Dal 2016 è sede attiva dei monaci benedettini di Santa Maria di Monte Oliveto, chiamati anche Olivetani. Proseguimento con l’Abbadia di San Salvatore, fondata nella seconda metà del secolo VIII per volere del re longobardo Rachis. La leggenda narra che la decisione fu presa dal re in seguito a un evento miracoloso di cui fu testimone: la Trinità apparve sulla sommità di un albero, intorno al quale fu in seguito edificata la cripta. Proseguimento per Piancastagnaio e tempo libero per il pranzo e la visita della più antica manifestazione dedicata alle castagne del Monte Amiata, che dagli anni ‘60 celebra la fine della loro raccolta e l’inizio della stagione invernale. Sarà possibile degustare i prodotti tipici a base delle castagne amiatine nei numerosi stand allestiti dalle quattro contrade nel centro storico del paese, circondato dalle mura della Rocca Aldobrandesca. Nel pomeriggio proseguimento alla volta di Santa Fiora, città di dominio storico dei conti Aldobrandeschi, che nel corso del XIII secolo divenne uno dei centri più importanti della Toscana meridionale, fulcro della resistenza ghibellina al governo di Siena. Celebre è il verso «e vedrai Santafior com’è oscura» del VI canto del Purgatorio, dove la località è citata da Dante proprio per la sua appartenenza ghibellina. A tutt’oggi la città è ricca di tradizioni che si sono mantenute vive, a testimonianza di un grandioso passato quale antica capitale di questo versante della montagna. Visita del borgo e della Pieve delle Sante Flora e Lucilla, il monumento più importante e noto del paese. Al termine della visita rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

• 3 GIORNO: BAGNO VIGNONI – SAN QUIRICO D’ORCIA – SAN GALGANO
Prima colazione in hotel. Partenza per Bagno Vignoni, un delizioso villaggio che sorge nel cuore della Toscana, all’interno del Parco Artistico Naturale della Val d’Orcia. Il centro del borgo è dominato dalla “Piazza delle sorgenti”, una vasca rettangolare di origine cinquecentesca, che contiene una sorgente di acqua termale calda e fumante che esce dalla falda sotterranea di origini vulcaniche. Fin dall’epoca degli Etruschi le terme di Bagno Vignoni sono state frequentate da personaggi illustri, quali Papa Pio II, Caterina da Siena, e Lorenzo de’ Medici.  Proseguimento per la visita di San Quirico d’Orcia, città di antiche origini etrusche, dal 2004 riconosciuta come Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Oggi custodisce gioielli storici quali la collegiata dei Santi Quirico e Giulitta, la chiesa di Santa Maria Assunta e i
lussureggianti Horti Leonini, giardini situati negli antichi baluardi della città. Al termine proseguimento per San Galgano e pranzo in ristorante. Visita guidata dell’Abbazia di San Galgano, sede di uno dei più importanti monasteri toscani, e dell’eremo di Montesiepi col suo
mistero di ‘Excalibur’, cioè la spada che San Galgano infisse in una roccia, quando decise di lasciare la sua vita dissoluta di signore, per farsi eremita. Al termine partenza per il rientro, previsto in serata.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE A PERSONA: € 390,00 + quota iscrizione
PRENOTA PRIMA ENTRO IL 10/09 A PERSONA:  € 370,00 + quota iscrizione
SUPPLEMENTO SINGOLA € 70,00

LA QUOTA COMPRENDE: Autobus privato GT – Hotel 4 stelle – Cene in hotel come da programma – Light lunch in ristorante – Pranzo in ristorante – Guide locali come da programma – Nostro accompagnatore – Assicurazione medico-bagaglio e annullamento.

LA QUOTA NON COMPRENDE: Bevande ai pasti – Ingressi a musei e monumenti – Mance ed extra – Tutto quanto non specificato alla voce:
“La quota comprende”.

Indietro
[highlight]Seguici sui Social[/highlight]