…..e adesso cosa mi metto??

Se la tua  prossima metà e’ l’Africa, non posso che farti i miei complimenti!
Sarà un viaggio di certo indimenticabile, qualsiasi paese tu decida di visitare.

La domanda che mi viene rivolta più spesso alla consegna dei documenti però, riguarda l’abbigliamento consigliato.
Ed allora, ecco un piccolo vademecum per preparare il tuo bagaglio perfetto.

Prima di tutto, ti serve una valigia morbida. Un borsone , anche quello della palestra va benissimo. Questo perché negli spostamenti con le jeep, i bagagli vengono stivati o in un carrello o sopra il tetto della jeep. Va da se che incastrare delle valigie rigide diventa difficile, mentre il bagaglio morbido permette una certa flessibilità e una migliore  ottimizzazione degli spazi.

Altro consiglio e’ quello di mettere tutti gli abiti nei sacchetti. Quelli che usi normalmente per il cambio armadio vanno benissimo. La terra e’ finissima, e si infila ovunque. Avere gli abiti nei sacchetti ti permette di sfilarli facilmente nelle varie tappe e proteggerli  dalla terra. Senza contare che durante un tour difficilmente disferai la valigia, quindi avere  la possibilità di sfilare solo quello che occorre senza dover rifare tutte le sere il bagaglio si rivela un prezioso risparmio di tempo e fatica!

Ricordati che in Africa le stagioni sono invertite rispetto alle nostre. Per lo meno in Africa Australe…. Soprattutto se parti nella nostra estate, l’escursione termica sarà la tua compagna di viaggio.
Prima regola dunque, e’ quella di vestirsi a cipolla.

Un pantalone leggero, meglio ancora quelli che si ‘sgambano’ grazie alle cerniere sotto al ginocchio. Una t-shirt, una camicia dalle maniche lunghe, un micro pile, un giubbotto anti vento. Uno smanicato in pile poi, da infilare nello zaino, e’ sempre utile. Al mattino presto, alla partenza del safari, saranno necessari tutti gli strati. Piano piano, con l’alzarsi del sole, la temperatura aumenta, e potrai svestirti un po’ per volta. Fino a rimanere in maniche di camicia per l’ora di pranzo!
Se hai scelto un tour con i pernottamenti in campo tendato, ricordati che la notte fa freddo. Un cappellino e un bel pigiama renderanno il tuo riposo davvero piacevole.

Per le ore più calde, occhiali, cappello, crema solare e burro cacao.
Non dimenticare un cannocchiale e una buona macchina fotografica con uno zoom – consiglio almeno un 200- per una perfetta ‘caccia fotografica’. Tante schede e una buona custodia  protettiva per evitare infiltrazioni di sabbia , oltre ad un kit per la pulizia degli obbiettivi.

E non dimenticare mai nella tua valigia un costume.
Pesa poco e fa parte di quei capi immancabili, come lo spazzolino da denti. La maggior parte delle strutture e’ dotata di  una piscina…..nel relax pomeridiano e’ una delle attività consigliate! E poi, non si sa mai no??

A meno che non vai alla ricerca dei Gorilla in Uganda o hai altre attività di trekking programmate, non è necessario portare degli scarponcini. Sarà sufficiente una scarpa chiusa, da tennis o una snikers comoda per camminare. Io personalmente indosso sempre dei comodi sandali chiusi dietro e ben areati, con un po’ di carro armato che rendono le mie passeggiate confortevoli ma fanno anche respirare il piede!

E adesso parliamo di colori…….
Banditi i gialli, i colori fluo e tutti i colori non naturali.
Écru, corda o crema, marrone e le tonalità di verde sono i colori più adatti per non spiccare nella savana. Ricordati che in alcuni paesi non sono permessi abiti mimetici o ‘militari’, quindi informati bene prima di partire.

Scegli materiali tecnici o cotone, evita le fibre sintetiche.
Dimentica gli abiti da sera, a meno che il tuo viaggio non preveda un soggiorno mare in hotel di lusso che richiedono un abbigliamento formale. In Africa va di moda l’abbigliamento sportivo.

Ho omesso volutamente le taniche di Autan, i fornelletti elettrici, il kit di primo soccorso, i kg di medicinali e tutto quello che sicuramente hai già preparato nel momento in cui hai pensato al viaggio in Africa.
E che probabilmente al tuo prossimo viaggio, non ti verrà nemmeno in mente di portare.

Adesso puoi partire. Spegni il cellulare e goditi il viaggio.
Manca solo una cosa.
Una buona dose di spirito di adattamento e cuore-occhi-anima pronta per accogliere i paesaggi e le emozioni che solo l’Africa saprà regalarvi!

Silvia Testa  – Il Viaggiosauro

Condividi:
Share