Lunghe, belle e utilissime: Leggenda Africana
In un villaggio , una giovane sposa diede al mondo il suo piccolo, ma morì durante il parto. nonostante la gioia del padre nel ricevere un figlio, la tristezza aleggiava nella casa dell’uomo che era anche il Capo Villaggio.


Quando il piccolo ebbe pochi anni, la famiglia iniziò a trattarlo male e a dire che lui era la causa delle sventure del villaggio.Senza dire nulla il piccolo ragazzo decise di partire per trovare la felicità.


Dio vide il piccolo vagare sa solo quindi mandò da lui un bellissimo Kudu con corna enormi e magiche. Bastava infatti scuotere le corna per ricevere tutto quello che il piccolo desiderasse. Passarono molti anni ed in tutti i villaggi dove andava , il piccolo – che ormai era diventato un uomo adulto-  aiutava le persone con il suo dono magico.


Dio era molto soddisfatto di lui perchè non aveva tenuto per se’ il suo grande dono.


Un giorno pero’ si avvicinò ad un villaggio dove il capo aveva una bellissima figlia, allora, per la prima volta, oltre al cibo chiese anche la felicità per tutti e due.
Il Kudu regalò la felicità e si unirono in matrimonio da lì a poco.


A quel punto il giovane uomo volle tornare a trovare il proprio padre. Si incamminarono così verso quel villaggio. Arrivati il padre li accolse con grande affetto, il giovane usò per l’ultima volta il potere magico del Kudu per dare cibo ed acqua a tutto il suo villaggio. A quel punto il giovane uomo disse a Kudu che la loro strada doveva dividersi perchè lui aveva finalmente trovato tutto quello di cui aveva bisogno: l’amore di una donna, l’affetto del padre ed un luogo dove crescere i propri figli ed invecchiare felice.
Il Kudu capì e tornò nel fitto della boscaglia.


Da quel giorno il kudu divenne definito la più regale delle antilopi alla quale ispirarsi.


Tratta da “Animali d’Africa e Storie Bestiali” per gentile concessione dell’autore, Davide Bomben. Ed.Polaris 2007


Foto scattate durante i miei viaggi in Africa- Silvia Testa

Condividi:
Share