Leggenda africana 


Le zebre un tempo erano rivestite da un manto bianco e lucido. Poichè erano molto belle, gli uomini cercavano di addomesticarle e di utilizzarle come merce di scambio e come dote.


Un giorno una giovane zebra arrivò all’interno di un villaggio di uomini i quali, vedendola in tutto il suo splendore, si misero a pensare a come l’avrebbero catturata. L’animale spaventato, si mise a correre ma gli uomini incalzavano


Nella corsa scorse un contenitore con del liquido nero come la notte, lo raccolse e se lo butto’ sul muso, speranzoso che macchiandosi sarebbe risultato brutto; correndo il liquido si cosparse sul suo corpo a forma di righe irregolari.


Gli uomini lo raggiunsero ma, vedendolo tutto macchiato e a strisce, lo lasciarono stare. Presto tutte le zebre decisero di colorarsi e colorare anche i propri piccoli, per sfuggire all’avidità degli uomini.


Dopo poco le zebre incominciarono a nascere a strisce, ma per loro fortuna, rimasero comunque bellissime


Tratta da “Animali d’Africa e Storie Bestiali” per gentile concessione dell’autore, Davide Bomben. Ed.Polaris 2007


Foto scattate durante il miei viaggi in Africa

Condividi:
Share