La leggenda di Tii  : dell’amore di un uomo per un anguilla e per un Pandanus.


Un bel giorno un uomo chiamato Tii arrivo’ a Raiatea, una delle Isole Sottovento. Aveva con se una giovane anguilla che aveva trovato all’interno di una conchiglia gigante, e una giovane ‘fara‘ , una pianta della specie ‘Pandanus’ .


Raggiungendo l’isola di Raiatea, Tii cerco’ un posto isolato dove poter tenere la propria anguilla, che aveva trasportato in un pezzo di bambù, e il suo Pandanus. Gli fu dato il permesso di metterli in uno stagno sul fondo del cratere del Monte Temehani.


Egli li trattò come se fossero suoi figli, dando ad ognuno un nome. Alla sua anguilla ‘figlio’, diede il nome ‘Nana i Taithi’  ovvero ‘guardando verso Thaiti’ . Alla sua ‘figlia’ fara, diede il nome ‘Tupai i Tupai ite fara roa’ ovvero ‘battere, battere il tempo fara’.


Tii rimase a Raiatea per un certo tempo, prestando regolarmente visita ai suoi figli  cresciuti e fioriti. Ma un giorno, dovette lasciarli per far ritorno a Thaiti. Disse a fara: ‘Prenditi cura del tuo piccolo fratello’ . E all’anguilla ‘Stai qui con la tua cara sorella’.
Tii tornava di volta in volta a Raiatea per vedere i suoi ‘figli’. Sapeva che erano al sicuro fino a quando poteva scorgere gli uccelli di mare volare intorno al loro stagno. 


Sfortunatamente pero’, gli uccelli attrassero anche i pescatori che scoprirono l’anguilla che viveva sotto la pianta fara.
Prepararono un grande gancio  alla fine di una spessa fune e la povera anguilla non ci mise molto ad abboccare. Ma quando tentarono di tirarla fuori dall’acqua, istintivamente l’anguilla si arrotolo’ intorno al tronco del robusto albero fara.
L’albero inizio’ a staccarsi a causa del continuo tirare dei pescatori e stava quasi per essere estirpata quando l’anguilla – per salvare la sorella – la lascio’ , lasciandosi  così catturare.


Quando Tii torno’ a Raiatea, non vide gli uccelli di mare sopra lo stagno, e i suoi timori vennero confermati. Inizio’ a piangere e il suo dolore fu così grande che ne  mori’.


Ancora oggi potete vedere lo stagno, vicino la Baia di Tupua, in un piccolo cratere del Monte Temehani.  E la pianta fara che ancora cresce, viva testimonianza di questa storia.


Thaiti’s Hidden Paradise
Tradotto da ‘La Legende de Tii’ , distribuita negli  hotel della Polinesia.

Condividi:
Share