Sistemazione in campo tendato in Mongolia


Se decidete di visitare la Mongolia uno degli aspetti che condizioneranno il vostro viaggio sara’ il tipo di sistemazione ‘alberghiera’ che vi attende.


Fuori da Ulan Bator, capitale Cino-sovietica ‘ricca’ di hotel , l’unica sistemazione accettabile e’ quella dei campi tentati.
Le gher sono le tipiche tende mongole, necessita’ per un popolo nomade che si sposta a seconda delle stagioni e delle condizioni ambientali, sono costruite con robusti pali di legno e spesse pareti di feltro per una ottimale coibentazione.


Circolari,  tipicamente bianche, facilmente trasportabili, quelle turistiche ospitano normalmente 4 persone.
A seconda dello standard del campo possono essere più o meno arredate e confortevoli.  Caratteristiche comuni sono i letti lungo le pareti interne della tenda e la stufa a legna posizionata in centro che viene accesa nelle sere più rigide.
Nel centro del soffitto della gher c’e un buco, chiamato toghona dal quale entra la luce e da cui esce il fumo emesso dalla  stufa.
La luce entra di giorno. Di notte entrano anche una varietà di innocui ma – per qualcuno- fastidiosi insetti!


Una  bassa porticina in legno e’ l’unico accesso alla vostra dimora.
Che difficilmente ricorderete essere così bassa quando di notte vi alzate per andare in bagno!!   Ricordate inoltre a non urtare o calpestare il gradino della soglia (bosgot) sembra porti sfortuna!


Tappeti, piccoli comodini, corrente elettrica e qualche gancio sono optional che elevano lo standard.


I bagni sono in comune e si trovano in un area dedicata, con le docce, i lavandini e a volte anche una piccola area lavanderia.
Normalmente un set di asciugamani e’ a vostra disposizione, ma verificate sempre con la struttura in fase di prenotazione. Nel dubbio ed avendo constatato la qualità, vi consiglio di mettere in valigia comunque un piccolo set magari in microfibra per contenere spazio e peso.


I letti sono piuttosto confortevoli, dotati di piumino e lenzuola.
Piumino e stufa riscalderanno le vostre notti, ma vi consiglio di portarvi comunque un caldo pigiama per le notte.
Mi soffermo sui cuscini. Se siete abituati a dormire senza, buon per voi. Io che amo dormire con un bel cuscino, durante  il soggiorno mi sono resa conto di quanto mi mancasse!
In Mongolia va di moda il cuscino di semi. Avete capito bene. Semi, tipo fagioli secchi. Che se siete anche un po’ allergici, avete fatto bingo.


In molti campi c’e un generatore che vi permette di avere luce e corrente fino tarda sera. In quelli più remoti o più semplici invece, candele e lampade ad olio. Per cui un accessorio di cui non potrete fare a meno e’ una torcia,  visto che il campo la sera e’ poco illuminato.


Il silenzio e la totale assenza di inquinamento luminoso e sonoro infatti sono il più bel intrattenimento dopo cena……


Sedetevi fuori dalla vostra gher, ascoltate la natura, guardate le stelle…..e lasciatevi sorprendere da qualche animaletto che potrebbe farvi compagnia al campo!


Visitare la Mongolia e’ un esperienza unica…..e dormire nelle gher una parte irrinunciabile di essa!


Photogallery MONGOLIA : Clikka QUI


Silvia Testa – Il Viaggiosauro

Condividi:
Share